/Perché le donne giapponesi non si mettono mini-gonna?

Perché le donne giapponesi non si mettono mini-gonna?


In Giappone se si vedono le ginocchia, la gonna si chiama già “Mini-Gonnna”. Quella che metto in estate in Italia, si chiama CHO-MINI (super corta). Comunque molte donne giapponesi non vogliono mettere nessuna gonna che fa vedere le ginocchia. Secondo il risultato del questinario di una domanda alle donne quarantenni: “Ti metti la gonna corta sopra il ginocchio?”, più del 90% ha risposto “NO” .

Questa estate in Giappone quarranta gradi con tanta umidità, faceva un caldo da morire anche sotto l’ombra e anche di sera. Le ambulanze lavoravano senza sosta, gli ospedali erano pieni zeppi, decine di persone morivano ogni giorno. Allora i giapponesi hanno cominciato a permettere agli uomini di usare l’ombrello da sole come le donne ma non permettono mai alle donne di mettere la mini-gonna.

Sai perché? Ci sono tre motivi.

Motivo1: evitare i raggi ultravioletti

Le donne giapponesi si mettono i pantaloni lunghi e le maniche lunghe sotto questo clima terribile.
I raggi ultravioletti dell’estate fanno aumentare il livello di radicali liberi che rovinano la pelle: distruggono il collagene e l’elastina e danneggiano il sistema di rinnovamento cellulare.
Come ho scritto nell’articolo “bella come un uovo sodo”, una bella pelle è la condizione fondamentale per la bellezza di una donna giapponese, le donne giapponesi non possono rovinare la pelle lasciandola sotto il sole.

Per questo motivo le donne giapponesi coprono bene tutta la pelle con i vestiti rinunciando alla mini-fonna, e io propongo i cosmetici giapponesi che contengono i derivati della vitamina C che riduce i radicali liberi.

Motivo2: perfezionismo

Quando vieni in Giappone, vai a vedere la frutta e la verdura nel negozio. Incredibilmente tutte hanno la stessa forma e la stessa grandezza, certamente senza difetti. Visto che i giapponesi comprano solo i prodotti perfetti, la frutta e la verdura troppo grandi o troppo piccole, le utilizzano per succo o per animali. È veramente difficile trovare diffetti ai prodotti che vendono in Giappone.

Per questa pignoleria, i giapponesi sono molto bravi a trovare difetti. Le donne trovano facilemente difetti sulle proprie gambe: la cellulite, una macchia, una ruga, le ginocchia non lisce, ecc, così rinunciano a mettersi la mini-gonna. I giapponesi trovano difetti anche sulle gambe delle altre e direbbero malissimo dietro alle spalle. Per mettersi la mini-gonna in Giappone serverebbe un grandissimo coraggio.

Motivo3: regole di Kimono

Il Giappone ha quattro stagioni: marzo, aprile e maggio sono primavera, giugno, luglio e agosto fa molto caldo, settembre, ottobre e novembre sono autunno, dicembre, gennaio e febbraio fa molto freddo. Così tradizionalmente esistono tre tipi di Kimono: invernale, estivo e per il periodo di cambiamento:

Kimono invernale: di seta, foderato, motivi invernali come crisantemo, pino e prugna
Kimono intervallo: di seta, non foderato, motivi di giugno o di settembre
Kimono estivo: di lino o bamboo, non foderato, motivi estivi come ortensia, gloria mattutina, germogli di bambù, salice e iris

Attenzione, non si può scegliere Kimono in base alla temperatura ma si deve sceliere con il calendario.

gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic
Kimono invernale
Kimono intervallo
Kimono estivo

Adesso mentre i giapponesi si mettono i vestiti occidentali, seguono ancora le regole di Kimono. Ai giapponesi piace fare sentire la stagione con i vestiti, come lo facevano con Kimono.

Per esempio, a aprile considerato primavera i giapponesi non vogliono mettere più piumino e stivali, anche se fa ancora molto freddo. Quindi si vestono a strati con maglia di cotone, la giacca di lino e sciarpa leggera di colori estivi. Invece un giorno ancora fa caldo a settembre, i giapponesi non vogliono mettersi più una maglietta bianca e sandali, quindi si mettono una camicia dei colori scuri di autunno e le scarpe chiuse. I giapponesi scelgono i vestiti secondo la regola, non secondo la temperatura.

Poi Kimono per le donne hanno specifiche differenti tra sposate e non sposate. Per esempio, Kimono con le maniche lunghe, i colori rosso o rosa, sono sempre per le ragazze molto giovani non sposate. Anche se stanno bene con il colore, non c’entra. Le donne sulla quarantina non possono mettersi Kimono rosa.

Forse per questa abitudine tradizionale, le donne giapponesi scelgono i vestiti pensando alla propria età invece che al proprio gusto. I giapponesi pensano che la gonna corta sia solo per le ragazzine o studentesse, così le donne che hanno più di circa 23 anni non se la mettono più.

Le donne giapponesi non si mettono la mini-gonna per questi tre motivi. Meno male che abitiamo in Italia, chi se ne frega della cellulite!

Molto facile!

*articoli collerati
Bella come un uovo sodo
Io sono blogger ma il mio lavoro vero è…

*riferimento
diet.news-postseven.com/13532


Sono blogger giapponese, anche studentessa dell'accademia delle arti ma la mia attività principale è il settore dei cosmetici naturali. Spesso torno in Giappone per i lavori e i piatti che prepara mia mamma :)