/Prodotto che veramente fa ricrescere capelli persi

Prodotto che veramente fa ricrescere capelli persi


Un mio follower italiano mi ha contattato per chiedere se in Giappone esistono prodotti che funzionano veramente per far ricrescere capelli persi.

Secondo lui, in Italia ce ne sono tantissimi, ma nessuno funziona davvero. Gli ho risposto: ““, perché conoscevo due giapponesi che avevano cominciato a perdere i capelli e ne hanno ripreso abbastanza.

Naturalmente al ragazzo italiano interessava moltissimo e voleva sapere il metodo avevano fatto, così ho subito contattato in Giappone e ho trovato una lozione nella bottiglia piccolina al prezzo circa 150 euro.

Guardano i piedi.

ASHIMOTO WO MIRU
足元を見る

In giapponese gambe, cosce e piedi, il parte sotto il pube si chiamano ASHI. MOTO significa “fondo”, quindi ASHIMOTO significa “piedi”. WO lasciamo perdere, MIRU significa “vedere”. Quindi ASHIMOTO WO MIRU significa “vedere i piedi”.

Tanto tempo fa quando non c’erano né treni né macchine, la gente doveva viaggiare solo a piedi per forza. Se guardassi i suoi piedi, potresti sapere come il viaggiatore è stanco, quanto ha fame dal sporco e la situazione delle scarpe. Così il padrone dell’albergo decideva il prezzo guardando i piedi dei viaggiatori: Se fossero stanchissimi, pagherebbero anche tanto più del prezzo giusto.

Dunque “guardare i piedi” significa “sfruttare la debolezza della persona”.

Nel caso del ragazzo italiano, la sua debolezza è un grande desidero di riavere i capelli, anzi lui pagherebbe anche più di 200 euro al mese.

Calvi del mondo

Secondo la ricerca dell’ Alopecia androgenetica del mondo, il 39% di italiani non hanno abbastanza capelli.

Paese proporzione numero di persona
Repubblica ceca (Praga) 42,79% 1,58 milioni
Spagna (Madrid) 42,60% 6,5 milioni
Germania (Francoforte) 41,24% 126,3 milioni
Francia (Parigi) 39,10% 7,87 milioni
Stati Uniti (New York / Los Angeles / Chicago) 39,04% 40,27 milioni
Italia (Milano) 39,01% 8,74 milioni
Polonia (Varsavia) 38,84% 5,05 milioni
Paesi Bassi (Amsterdam) 37,93% 2,16 milioni
Canada (Montreal) 37,42% 4,41 milioni
10° Regno Unito (Londra) 36,03% 7,6 milioni
11° Russia (Mosca) 33,29% 16,23 milioni
12° Australia (Sydney) 30,39% 2,08 milioni
13° Messico (Città del Messico) 28,28% 8,1 milioni
14°  Giappone (Tokyo) 26,05% 129,3 milioni
15° Cina (Hong Kong) 24,68% 610,000

Guardando la gente per strada a Genova, devo dire che è vero.

Calvo italiano e calvo giapponese

Come ti ho scritto in articolo, “calvo” significa “brutto” in Giappone, ma in Italia esiste qualche calvo bello, pensavo che essere calvo non fosse un grosso problema, invece ho scoperto che tanti italiani cha hanno pochi capelli vogliono riavere più capelli.

Secondo una ricerca(*), in Giappone ormai ci sono 12,600,000 uomini hanno Alopecia androgenetica, poi circa metà di loro, 6,500,000 cercano di riavere i capelli.

Il mio lavoro principale è cosmetici che funzionano davvero e il 30% dei miei clienti sono uomini giapponesi. Mi è venuta un’idea professionale di lanciare un prodotto nuovo che funziona davvero per far rinascere i capelli. Certamente non guarderei i piedi e metterei il prezzo giusto.

Ho trovato un nuovo ingrediente giapponese che funziona molto bene sui giapponesi. Ho subito preparato cinque campioni per fare una ricerca su tre italiani. Siccome aveva funzionato bene sui giapponesi, ero molto positiva anche sugli italiani.

Invece dopo due mesi non ho potuto vedere un grande successo, cioè i calvi italiani sono rimasti calvi. Ho ritirato dietro l’idea del prodotto nuovo e l’ho sepolta per ora.

Comunque secondo me, gli uomini italiani sono belli anche se non hanno abbastanza capelli, su, su!

Molto facile!

*articolo correlato:
Uno stronzo senza i capelli
Io sono blogger ma il mio lavoro vero è…

*1 Riferimento
Associazione delle statistiche di welfare (gennaio 2002)
ricerca su Fax per 8.100 uomini giapponesi dai 20 ai 69 anni

*2 Aderance
ricerca nel 2009


Sono blogger giapponese, anche studentessa dell'accademia delle arti ma la mia attività principale è il settore dei cosmetici naturali. Spesso torno in Giappone per i lavori e i piatti che prepara mia mamma :)